Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi e esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Menu

Napoli da impazzire: 3-2 al Marsiglia, super Higuain e qualificazione Champions apertissima

Napoli da impazzire: 3-2 al Marsiglia, super Higuain e qualificazione Champions apertissima Napoli da impazzire: 3-2 al Marsiglia, super Higuain e qualificazione Champions apertissima

Immenso cuore azzurro contro il Marsiglia al San Paolo. Nella sfida-chiave Champions, il Napoli va sotto, soffre, rimonta, si fa raggiungere e con una "zampata" di Higuain al 74' riesce a vincere per 3-2.


Tre punti fondamentali che proiettano gli uomini di Benitez a quota 9 in un girone complicatissimo. L'Arsenal ha infatti vinto 0-1 a Dortmund contro il Borussia. Adesso per gli azzurri una terribile trasferta in Germania, poi contro gli inglesi in casa a dicembre. Col Marsiglia (scontri e tensioni fuori dallo stadio) un match esaltante fin dai primi minuti. Pronti, via e il Napoli già "divora" il primo gol. Mertens, imbeccato da Higuain, è a tu per tu con Mandanda e calcia clamorosamente a lato. Francesi con una difesa molto alta che lascia spazio alle ripartenze azzurre. Ma nel calcio c'è una celebre legge non scritta: gol sbagliato, gol subito. Su calcio d'angolo l'OM trova infatti il vantaggio con un colpo di testa di André Ayew. L'attaccante di colore, figlio di Abedi Pelè, insacca di testa svettando in mischia. Gli azzurri provano a rispondere con Mertens e Callejon, ma i tentativi vanno a vuoto. E' il Marsiglia a fare la partita, attaccando a testa bassa con un ottimo Valbuena. Il Napoli sembra disunirsi per qualche minuto, ma poi trova dal cilindro un gran gol con Inler, di sinistro al 21', dopo una ribattuta da calcio d'angolo. A quel punto il Napoli, spinto dal San Paolo, si "gasa". E sulle ali dell'entusiasmo ribalta il risultato tre minuti dopo con un super destro di Higuain su imbeccata di Pandev. Lo stadio è una bolgia; il Marsiglia prova a rispondere ma in campo è meno ordinato, col Napoli pronto ad approfittare. Gli azzurri amministrano bene fino al termine del primo tempo.
Nella ripresa il Marsiglia non ci sta e mette qualche apprensione a un San Paolo gremito con un paio di tiri dalla distanza. Un po' scoperti gli azzurri, soprattutto in mediana dove Dzemaili e Inler lasciano larghi spazi ai bianchi francesi. L'OM sembra avere qualcosa di più dal punto di vista atletico; il Napoli è stanco e al 63' si fa sorprendere da Thauvin che, complice una disattenzione di Armero, sigla il 2-2. Sul San Paolo cala il gelo. Benitez gioca la carta Hamsik e toglie Pandev. E nel momento più buio, quando il gioco è nelle mani del Marsiglia, uno splendido contropiede di Mertens porta a una "zampata" di Higuain che termina alle spalle di Mandanda: 3-2 per il Napoli, San Paolo impazzito. Due minuti dopo ci prova Callejon dalla distanza. I transalpini, però, non demordono e si rendono più volte pericolosi; nel frattempo entra Insigne e per poco non segna dopo una rocambolesca azione: solo il palo gli nega la gioia del gol. Parita intensa; cambi di fronte repentini. Benitez corre ai ripari insierendo Behrami, non prima di una grande occasione sprecata da Armero in area francese. Dopo tre sofferti minuti di recupero, il boato del San Paolo. Il Napoli ce la fa: vince 3-2. E la qualificazione Champions è apertissima. Articolo tratto da:

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Torna in alto